Notizia

Le proteine ​​tumorali inibiscono il metabolismo della vitamina D nelle cellule tumorali


La vitamina D non è solo coinvolta nei processi di costruzione ossea e divisione cellulare, ma stimola anche il sistema immunitario. La ricerca si sta concentrando sempre di più sul suo ruolo nel cancro.

I ricercatori hanno ora dimostrato che una specifica proteina chiamata MDM2 può inibire il metabolismo della vitamina D nelle cellule tumorali. Questa proteina promuove anche meccanismi che supportano la divisione cellulare nelle cellule tumorali.

Non tutte le cellule tumorali si trasformano in un tumore. Un esempio di un meccanismo regolatorio molecolare è il cosiddetto soppressore tumorale p53. La molecola si trova in una maggiore concentrazione nelle cellule danneggiate, che potrebbero diventare cellule cancerose e indurre la morte cellulare. Questo complesso meccanismo può a sua volta essere inibito dalla proteina chiamata MDM2. Nelle cellule sane, questa proteina assicura che il livello di p53 rimanga basso. A differenza delle cellule degenerate, la quantità aumenta lì, quindi la morte cellulare viene soppressa dalla p53.

Affinché la vitamina D diventi attiva nel corpo, viene prima convertita. Questo è l'unico modo in cui può legarsi al recettore della vitamina D. Questo è l'unico modo in cui può regolare vari geni che controllano la divisione cellulare e la crescita, tra le altre cose.

Un'alta concentrazione della proteina MDM2 ha ridotto la concentrazione del recettore della vitamina D. Il contrario era vero se la proteina fosse inibita, qui il livello del recettore della vitamina D. Puoi trovare lo studio qui. (Pm)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Vitamina D, cosa fare quando è carente (Agosto 2020).