Notizia

Aspettativa di vita: i geni controllano la lunga vita


Lunga aspettativa di vita: i geni sono la chiave della lunga vita
06.01.2015

Le balene groenlandesi sono animali potenti: crescono fino a 18 metri di lunghezza e pesano fino a 100 tonnellate. Con un'età possibile di oltre 200 anni, sono anche i mammiferi più longevi conosciuti. I ricercatori hanno ora scoperto la probabile ragione della longevità delle balene. I risultati potrebbero eventualmente aiutare a combattere le malattie umane in futuro.

Le balene groenlandesi dei mammiferi più conosciute sono i mammiferi più noti con una possibile età di oltre 200 anni. Il segreto della loro longevità sta probabilmente nei loro geni, come hanno scoperto gli scienziati. Il team di ricerca guidato dal biologo Michael Keane dell'Università di Liverpool ha decifrato il genoma animale completo e ha confrontato le differenze chiave con il genoma di altre balene e mammiferi. Secondo un messaggio dell'agenzia di stampa dpa, sono giunti alla conclusione che le balene groenlandesi hanno peculiarità nei geni associati alla divisione cellulare, alla riparazione genetica, al cancro e ai processi di invecchiamento.

Note per la ricerca sui processi di invecchiamento Queste caratteristiche presumibilmente aumentano la longevità degli animali e aumentano la loro resistenza al cancro, ad esempio. A questo proposito, lo studio pubblicato sulla rivista Cell Reports potrebbe fornire informazioni generali per la ricerca sui processi di invecchiamento. “La nostra comprensione della durata della vita di diverse specie è ancora scarsa. I risultati della nostra ricerca ci danno candidati genetici per studi futuri ", ha affermato il biologo João Pedro de Magalhães dell'Università di Liverpool nel Regno Unito. A suo avviso, le diverse specie hanno sviluppato diversi "trucchi" per una durata più lunga. "Scoprendo i trucchi della balena della Groenlandia, potremmo essere in grado di trasferirlo agli esseri umani per aiutare a combattere le malattie legate all'età", ha detto lo scienziato.

La gen è correlata alla termoregolazione I ricercatori sottolineano anche che il loro sequenziamento è il primo di una grande balena. A questo proposito, i risultati potrebbero anche fornire informazioni sugli adattamenti fisiologici in relazione alle dimensioni del corpo. Come si può leggere nel rapporto dell'agenzia, le cellule balene, ad esempio, hanno un tasso di metabolismo molto più basso rispetto alle cellule dei mammiferi più piccoli. I biologi hanno anche trovato spiegazioni genetiche per questa differenza. Di conseguenza, un gene correlato alla termoregolazione aveva una peculiarità nella balena groenlandese. Secondo le informazioni, la termoregolazione è responsabile del maggiore o minore grado di indipendenza della temperatura corporea di un animale dal mondo esterno.

I geni svolgono anche un ruolo importante nell'aspettativa di vita umana: i ricercatori ora vogliono allevare topi dotati di vari geni della balena groenlandese. Vogliono scoprire quanto siano importanti alcuni geni per la longevità e la resistenza alle malattie. Quindi il genoma di altre specie di lunga vita deve essere decifrato e confrontato con quello della balena groenlandese. Gli scienziati hanno reso disponibili i loro risultati sul sito Web www.bowhead-whale.org per rendere possibile questo confronto. I geni svolgono un ruolo importante nell'aspettativa di vita potenziale non solo nelle balene, ma anche nell'uomo. Claudio Franceschi dell'Università di Bologna ha recentemente dichiarato al "mondo" che l'invecchiamento in buona salute è ampiamente ereditato. I geni e lo stile di vita aumentano l'aspettativa di vita: questa è la conclusione recentemente raggiunta dagli esperti dopo che oltre 700 ricercatori hanno effettuato l'analisi più completa dei decessi annuali per 188 paesi e 240 cause di morte fino ad oggi. (anno Domini)

Immagine: Gabi Schoenemann / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: M. Giacca - Terapia genica dei tumori (Agosto 2020).