FONDO: sostanze chimiche ormonali nei cosmetici

FONDO: sostanze chimiche ormonali nei cosmetici

App ha lo scopo di educare i consumatori sulle sostanze chimiche ormonalmente attive nei cosmetici

La Federazione tedesca per l'ambiente e la conservazione della natura (BUND) mette in guardia i consumatori sulle sostanze chimiche ormonalmente attive nei prodotti cosmetici. Gli ambientalisti hanno esaminato 21.000 cosmetici, di cui circa uno su cinque prodotti (18 per cento) contenevano le sostanze che sono principalmente utilizzate per i filtri UV o come conservanti. Un'app BUND è progettata per aiutare i consumatori a identificare più facilmente i prodotti cosmetici contaminati.

I prodotti chimici ormonalmente attivi possono interrompere i processi di sviluppo nel corpo e sono molto simili agli ormoni del corpo. Possono interrompere importanti processi di sviluppo nel corpo, in modo da ridurre, ad esempio, la qualità e il numero di spermatozoi negli uomini, come indicato dal BUND. Secondo uno studio dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), fino al 40 percento dei giovani in Europa sono già colpiti.

I parabeni in particolare sono un componente di molti cosmetici e prodotti per la cura della persona come shampoo, creme, rossetti e schiuma da barba. Se utilizzati, entrano nel corpo e possono causare danni alla salute. I feti nell'utero, i bambini e gli adolescenti sono particolarmente a rischio, spiega Ulrike Kallee, esperta di chimica presso BUND. "Un gel doccia non ti fa star male. Ma la maggior parte delle persone usa molti cosmetici diversi ogni giorno, i cui ingredienti possono agire come un cocktail chimico nel corpo. "L'esperto richiede:" I produttori dovrebbero quindi fare a meno dei parabeni nei loro prodotti ".

Leggero calo del numero di prodotti con sostanze chimiche ormonalmente attive Dopo tutto, il numero di prodotti con sostanze chimiche ormonalmente attive sembra diminuire lentamente. Questo è stato il risultato di un confronto del BUND tra il 2013 e il 2014. Mentre il 30 percento dei cosmetici testati lo scorso anno conteneva sostanze pericolose per la salute, attualmente è del 27 percento.

L'app “ToxFox” di BUND aiuta a identificare quei prodotti che contengono sostanze pericolose per la salute. Attualmente fornisce informazioni su oltre 80.000 prodotti per la cura personale e viene aggiornato e integrato regolarmente. "Con i prodotti cosmetici appena registrati, solo un quinto è contaminato da sostanze ormonalmente attive. Questo è ancora troppo, ma la tendenza sta diminuendo ", afferma Kallee." Molti prodotti ora fanno a meno di sostanze chimiche ormonalmente attive. Questo è chiaramente il risultato delle proteste dei consumatori ".

Tuttavia, alcuni produttori sembrano ignorare i desideri dei propri clienti. Il numero di prodotti testati con sostanze chimiche ormonalmente attive presso Procter & Gamble è aumentato dal 2013 ad oggi dal 2% al 46% e in Henkel dal 3% a un totale del 33%, secondo quanto riportato da BUND. (Ag)

Immagine: Thomas Meinert / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: I MAKEUP MADE IN ITALY tra sfogo, polemiche, commozione e discussioni.