Notizia

AIDS: discriminazione nei confronti delle persone con infezione da HIV


Anche le persone con infezione da HIV subiscono discriminazioni in Germania

Fino ad oggi, le persone con infezione da HIV in Germania spesso affrontano pregiudizi e discriminazioni. Le persone colpite segnalano reazioni come: "Non le tratto" dal medico di famiglia o "Non posso bere da un bicchiere con te" da amici, scrive "Spiegel Online". Nel complesso, c'è una grande ignoranza nell'HIV, mista a paura e pregiudizio. Per le persone colpite, l'infezione da HIV equivale spesso a stigmatizzazione.

Deutsche AIDS-Hilfe (DAH) presenta il suo concetto di campagna "Lo sapevi?" Il 20 luglio alla Conferenza mondiale sull'AIDS a Melbourne. Tuttavia, la conferenza è oscurata dal crollo del Boeing 777 della Malaysia Airlines, a bordo del quale erano presenti molti ricercatori e attivisti che volevano partecipare alla conferenza di Melbourne, riporta "Spiegel Online". Oltre alla prevenzione e alle cure adeguate per le persone colpite, l'obiettivo principale dell'aiuto AIDS tedesco è superare pregiudizi e paure quando si tratta di persone con infezione da HIV.

La discriminazione come motore dell'epidemia di HIV Carsten Schatz, membro del consiglio di amministrazione del DAH, ha affermato che in molti paesi la prevenzione e l'assistenza sanitaria efficaci sono rese impossibili dall'esclusione e dall'applicazione della legge. In generale, "la discriminazione è un motore dell'epidemia e costa a molte persone la vita o la salute", afferma Schatz. Anche in Germania, le persone sieropositive continuano a subire discriminazioni, con l'ignoranza che spesso costituisce il terreno fertile per il pregiudizio. Spesso non è chiaro agli altri esseri umani che una trasmissione del virus nella vita di tutti i giorni è estremamente improbabile o che le moderne terapie consentono a molte persone infette di condurre una vita in gran parte normale e di avviare una famiglia, ad esempio, riporta "Spiegel Online". Il portavoce di DAH Holger Wicht ha dichiarato alla rivista che questa conoscenza non è ancora saldamente ancorata nella società.

Istruzione e solidarietà nel trattare con le persone colpite Nonostante la discriminazione in atto nei confronti delle persone infette dall'HIV, la Germania ha deciso, secondo il portavoce dell'AIDS tedesco, "di scegliere un buon modo di gestire l'HIV." Il comportamento protettivo in Germania è "sostanzialmente stabile" e " il numero di nuove infezioni è a un livello basso in un confronto europeo ", ha spiegato Holger Wicht. Negli ultimi anni si è registrato un leggero miglioramento del comportamento dei test. C'è informazione e solidarietà con le persone colpite, continua Wicht. Tuttavia, i pregiudizi e le paure irrazionali degli altri esseri umani non sono ancora stati completamente eliminati. Non c'è quasi nessuna malattia con un tale stigma, ha spiegato il portavoce del DAH. Secondo l'esperto, ciò è probabilmente dovuto alla connessione con il sesso. Di conseguenza, gli infetti sono spesso autorizzati ad ascoltare commenti estremamente inappropriati. "Probabilmente non impedito" è uno degli esempi più innocui.

Pochi possono essere testati Nell'articolo di "Spiegel Online", il 29enne Berliner Steven, infetto da HIV, descrive la sua esperienza personale nel trattare l'AIDS sulla scena gay e le reazioni di altri esseri umani dopo che la sua malattia è diventata nota. Da ciò si può concludere che la prevenzione è trascurata in molti casi. Pochi verrebbero testati, anche perché temono il risultato. La repressione e l'indifferenza sono all'ordine del giorno qui, riferisce il 29enne. Dopo la diagnosi all'età di 17 anni, un mondo è crollato per la prima volta per il berlinese. Ma nel corso degli anni Steven ha imparato a convivere con la sua infezione da HIV. Oggi lavora normalmente e grazie alla terapia sta facendo bene. Steven ha parlato apertamente della sua malattia ai suoi genitori, amici e colleghi. Secondo il 29enne, solo i suoi nonni non sono ancora consapevoli del fatto che è preoccupato di sopraffarli. Da quando Patrick Lindner era uscito con un uomo, non avevano visto gli spettacoli di Patrick Lindner in TV e "sarebbe stato un po 'troppo per loro", cita "Spiegel Online" l'affermazione del Berliner. (Fp)

Immagine: Gerd Altmann / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: AIDS: combattere linfezione da HIV fin da subito (Novembre 2020).